“Not Penny’s boat”: come ti rinnovo la tradizione con antichi metodi.

maxresdefault(trattato di numerologia storica applicata ad antropologia del benessere )

L’altro giorno, lavorando su un testo comparativo di medicina applicata e fisica quantistica, mi sono improvvisamente venuti in mente alcuni parallelismi di frasi, situazioni e mondi completamente distanti e differenti tra loro, ma che tutto sommato ad oggi sono null’altro che una rivisitazione della stessa sostanza sotto forma differente. Un po’ come dire “la storia è ciclica” o “canta che ti passa” ed altre amenità simili.
È curioso come la mente riesca a spaziare su ambiti differenti per poi riuscire a tirare delle somme apparentemente distanti ma che in finale confluiscono in un’unica soluzione.

La frase “It’s not Penny’s boat” di lostiana memoria (per chi non la conosce, googli, che sicuramente trova almeno l’immagine del buon Charlie affogante con la mano appoggiata all’oblò e se ne faccia una cultura…) a mio avviso potrebbe tranquillamente essere equiparata alla stessa “The cake is a lie” di nerdiano uso e consumo e, andando indietro nel tempo, alla ben famigerata e cinematografica “La Cina è qui, signor Burton”.
Ora, analizzando l’ordine temporale delle sopra citate frasi, possiamo notare come si sia evoluto questo tipo di pensiero parallelamente all’uso e consumo della società del mezzo che lo rappresenta.
Per farvela più facile: cinema in un momento in cui i film erano l’apice dell’impersonificazione dell’uomo medio che in essi cercava la sua via di fuga; videogioco nel primo decennio del duemila in cui si sono riversate ondate di frustrazione alla ricerca di una via di fuga (ad oggi ancora non terminata); serie televisiva, anch’essa primi duemila, con trasposizione dell’io soggetto in quell’io oggetto che fa sognare ciascuno nel momento in cui cerca di immedesimarsi in un parallelo fantastico.

Se l’infradito strutturale pesca a man bassa da un immaginario collettivo che è di pura derivazione nipponica (non a caso infatti sono stati i Giapponesi i primi a portare modelli di dissociazione societaria come pensieri puri di libertà ed estraniazione dal mondo in cui si vive e dalla realtà), possiamo però sostenere che questo tarlo si sia fatto strada in maniera così viscerale nella substrato sociale che è ormai possibile quasi vederne una rivendicazione nostrana. Infatti, considerando che siamo così imbevuti di retorica americana, ci risulta quasi difficile staccarci dallo stereotipo che ci viene suggerito ad ogni piè sospinto, tanto nelle serie TV quanto nei film e nei romanzi e fumetti o infine nei videogiochi che ad oggi permeano le giovani menti del fruitore disattento che come un recipiente vuoto ne viene colmato senza nemmeno rendersi conto del traboccante flusso di inutilità che lo satura.

Non sarebbe di certo un male sottintendere che questo (re?)flusso di coscienza vada in qualche maniera tamponato da un sistema di comprensione che si adatti ad un qualunque supporto mentale – banalmente per chi ancora non ha compreso alcuna delle tre citazioni sopra – ma non possiamo noi ergerci a difesa strenua di una inconcepibile carenza di dati di base che dovrebbero far parte del corredo genetico di ciascun individuo mediamente acculturato, soprattutto in un’epoca di fruizione mediatica che non lascia molto spazio all’errore e all’ignoranza nel senso più pragmatico del termine.
Insomma, per dirla con Boromir (ne Il Signore degli Anelli – La compagnia dell’anello – ndR): “È un Troll di Caverna!”

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...